Venerdì 28 febbraio, presidio alla Regione Lazio per la chiusura della discarica di Roncigliano

https://noinceneritorealbano.noblogs.org/post/2020/02/24/venerdi-28-febbraio-presidio-alla-presidenza-dellaregione-lazio-via-rosa-raimondi-garibaldi-7-garbatella-h-10-30/

Venerdì 28 febbraio, Presidio alla presidenza della Regione Lazio, via Rosa Raimondi Garibaldi 7, Garbatella, h 10.30

PARTENZA PULLMAN ore 9,30 DAL VILLAGGIO ARDEATINO

Andiamo a rivendicare la revoca/sospensione dell’ordinanza regionale del 31 ottobre scorso con la quale la ing.a Flaminia Tosini ha trasferito l’autorizzazione Integrata Ambientale dell’impianto meccanico biologico di Roncigliano dalla Pontina Ambiente di Cerroni alla Colle Verde srl di Cristiano Cesaro. Questo atto consentirebbe al signore ultimo arrivato di trattare rifiuti per i prossimi 20 anni e oltre, in un territorio che, a partire dall’incendio del TMB avvenuto il 30 giugno 2016, ha dimostrato di saper fare a meno di TMB, discarica e inceneritore.

Chiederemo come, vigente l’interdittiva prefettizia antimafia del 22 marzo 2014, la Regione Lazio abbia potuto pensare di prorogare l’AIA del 2009 per il solo fatto che la Pontina in quella data aveva aggiornato la fidejussione per l’impianto.

Chiederemo come, in presenza di un atto che impedisce ogni rapporto con la P.A., la Pontina dopo il marzo 2014 abbia potuto continuare a svolgere un servizio essenziale dei 10 comuni dei Castelli e riscuotere le relative spettanze, nonché partecipare alle varie conferenze dei servizi al Comune di Albano e alla Regione Lazio dopo gli sforamenti molteplici dei limiti per gli inquinanti nelle falde nell’area Cancelliera – Villaggi Ardeatini.

Nella giostra delle leggi che regolano la validità dell’AIA è difficile raccapezzarsi ma una cosa è chiara: il 13 agosto 2019 sono trascorsi 10 anni dall’AIA del 13 agosto 2009 e la voltura alla Colle Verde dell’ottobre scorso è arrivata fuori tempo massimo.

All’atto dell’apertura della revisione dell’AIA per mano della stessa Tosini e nelle successive sedute fino al maggio del 2016 tutti convenivano sul fatto che il TMB della Pontina era una grossa fonte di guai da non riproporre. Il fatto che oggi si pretenda di ripristinarlo ante incendio è un abominio, ancora di più ora che le migliori tecnologie da adottare (BAT) sono cambiate proprio nel 2018 per Direttiva Europea recepita.

A distanza di 6 anni  dal rapporto ARPA DEL 2014, che elencava 19 violazioni delle prescrizioni AIA, il quadro gestionale del sito di Roncigliano non è cambiato se non per il fatto che il capannone del TMB è distrutto per metà.

LA REGIONE DEVE RITIRARE L’ORDINANZA DEL 31 OTTOBRE SCORSO, IL SITO DI RONCIGLIANO VA CHIUSO E BONIFICATO, VA IMPEDITO QUALUNQUE NUOVO IMPIANTO A CALDO CHE TRATTI RIFIUTI.

Coordinamento contro l’inceneritore di Albano

SI SCRIVE TAV, SI LEGGE ‘NDRANGHETA…

“Parlateci di Roberto Rosso e della ‘ndrangheta in Piemonte”. 

Lo sapevano nel 2012 “Elio e le storie tese”, al minuto 3.15 è abbastanza esplicito…che anno il 2012, ma ci torneremo in seguito…

Roberto Rosso, assessore regionale alla Regione Piemonte, in quota al partito di Fratelli d’Italia è uno dei molti amici dei mafiosi arrestati nell’inchiesta di pochi giorni fa denominata “Fenice” che ha scoperto, indovinate un pò, un ampio giro di collusioni tra il mondo politico, quello imprenditoriale e quello mafioso. Roberto Rosso è anche un fervente propositore dell’opera contro cui una Valle e una larga fetta del Paese si oppone ormai da decenni: la famigerata linea TAV Torino-Lione.

Non preoccupatevi. Torino è già ben collegata con Lione, a doppio binario, con passaggio dei treni TGV. In più c’è l’autostrada che ha devastato il Frejus e altre due statali: quella del Moncenisio, e quella del Monginevro. No, l’Italia non è e non resterà “isolata dal resto d’Europa” se non verrà realizzata l’inutile “grande opera”. Tranquilli.

Se proprio c’è qualcosa di cui dovreste preoccuparvi è che dietro la disinformazione dei mass media, l’interesse dei politici di ogni schieramento e quello dei “poveri” imprenditori di Confindustria, nonché di diversi sindacati “gialli”, c’è qualcosa che va oltre la devastazione e il saccheggio del territorio (che già basterebbe…). Ci sono gli interessi della mafia che agisce al nord non meno che al sud. Roberto Russo, italiano purosangue, patriota del partito dell’ex-ministro Giorgia Meloni, è accusato di aver concordato l’acquisto di un pacchetto di voti pagando tangenti alla ‘ndrangheta che opera a Torino e dintorni. Di lui si ricordano le partecipazioni ai cortei pro-TAV dello scorso anno organizzate dalle signore della Torino-bene, le cosiddette “madamin”. E infatti, sostenere la TAV vuol dire gestire dal punto di vista politico miliardi di euro da spartirsi con le società vincitrici degli appalti, tra le quali quelle mafiose. Nell’inchiesta che ha portato al suo arresto, dalle intercettazioni si evince che boss mafiosi di un certo calibro si incontrarono prima delle elezioni con esponenti politici chiedendo loro di continuare con i cantieri a Chiomonte, dove c’è un buco che è il tunnel geognostico spesso proposto da giornalisti (diciamo poco attenti…) come il tunnel dove dovrebbe passare il TAV.

Per ulteriori considerazioni, rimandiamo all’articolo di Marco Revelli dal titolo “Non tutti i SI-TAV sono mafiosi, ma tutti i mafiosi sono SI-TAV” e anche a quanto scritto dal movimento No Tav in merito all’imbarazzante situazione venutasi a creare per i sostenitori dell’opera.

Però mentre viene scoperta l’acqua calda, le porte del carcere si sono aperte per 4 attivisti NO TAV: Mattia, Giorgio, Luca e Nicoletta. Prima di continuare, vi invitiamo a prendervi una mezz’oretta di tempo per vedere questo video pubblicato nel 2015, se non andiamo errati, che ripercorre – fino ad allora – le tappe della repressione poliziesca e della persecuzione giudiziaria che ha subìto il movimento che lotta contro la linea ad alta velocità / alta capacità

A parte Caselli, vanno ricordati i due PM che hanno formato il “pool” contro i No Tav e hanno condotto processi di massa anche molto velocemente con il cosiddetto pugno di ferro: ecco alcune delle inchieste che li riguardano, come inquisiti !

https://www.notav.info/post/padalino-il-pm-anti-notav-indagato-per-abuso-di-ufficio/

http://contropiano.org/news/politica-news/2019/05/17/padalino-il-pm-anti-notav-riceveva-favori-da-unazienda-interdetta-per-mafia-0115530

Le strane amicizie del Pm Rinaudo. Parte V. Rinaudo Furioso

Torniamo ora all’attualità. Il 30 dicembre i carabinieri hanno eseguito l’arresto di Nicoletta Dosio, storica militante No Tav, 73enne, insegnante in pensione. Deve scontare un anno di pena. Se dal minuto 5.22 del TG3 delle ore 14.20 del 31 dicembre vi venisse in mente di cercare di capire il motivo esatto per il quale Nicoletta è finita in carcere, non ci si riuscireste. Fate una prova…

http://www.tg3.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f9d91d8a-52a5-47f6-90db-fe2204e5342b-tg3.html#p=

Però nel servizio si vedono le immagini dell’assalto al cantiere di Chiomonte ripresi in una delle tante manifestazioni che ci sono state nel corso degli ultimi 15 anni. Quindi si potrebbe intuire che Nicoletta abbia, ad esempio, tirato un sasso che ha ferito qualche uomo in divisa. Macché, siete fuoristrada, anzi fuori autostrada per essere più precisi. Ma non è colpa vostra. Ve lo diciamo noi: Nicoleta ha partecipato al blocco del casello di Avigliana lungo l’autostrada del Frejus a marzo del 2012, oltre 7 anni fa, durato la bellezza di 20 minuti durante i quali le auto sono state fatte passare senza pagare l’esoso pedaggio. Il danno accertato per la società che gestisce l’autostrada (leggasi, la società che fa i profitti e che lascia gli spicci allo Stato) è di 600 euro.

Ecco quanto accaduto a marzo del 2012 in questo breve video durante la protesta “Oggi paga Monti” (allora presidente del consiglio)

La sentenza ha colpito sia Nicoletta che altri 11 militanti del movimento. La Cassazione ha ribadito il suo concorso “morale” ed il fatto che “impugnava uno striscione” sulla corsia del Telepass. Nicoletta ha rifiutato le pene alternative perchè sostiene di non aver nulla di cui vergognarsi. E infatti grosso è stato l’imbarazzo dei carabinieri quando si sono trovati centinaia di paesani, amici, conoscenti e attivisti di Nicoletta durante il suo prelievo coatto dall’abitazione per il trasporto in carcere alle Vallette di Torino, dove la aspettavano purtroppo altri 3 NO TAV già in prigione per altre proteste

Ma cosa successe quel 2012 in Val di Susa ? A febbraio i Comitati No TaV decidono di opporsi agli espropri dei terreni di loro proprietà e all’allargamento del cantiere già in essere dall’estate del 2011 in Val Clarea (dopo lunghe giornate di battaglia l’estate 2011…). La società LTF si presenta con centinaia di poliziotti e altre forze dell’ordine, nonché con i militari, per imporre la volontà di prendere possesso della zona. Luca Abbà, 37enne, conosce bene quella terra e elude i controlli fuggendo dal presidio della “Baita Clarea” dove si trovata insieme ad altri attivisti per difendere dall’esproprio i terreni privati. Luca però viene inseguito da un “cacciatore di Sardegna”, cioè da un carabiniere. Il carabiniere se lo vuole “sgobbare”, come si dice in gergo, non certo impedirgli di salire sul traliccio dell’alta tensione su cui Luca si rifugia suo malgrado.Questo va ricordato, a scanso di equivoci, cioè delle versioni date in pasto dalla forze dell’ordine a tutti i giornalisti. Da quel traliccio, prima di subire una violenta scossa elettrica e cadere, Abbà fa una breve corrispondenza in diretta su Radio Blackout, storica emittente torinese

Luca subito dopo cade a terra folgorato e va in coma profondo. La sua vita si salva ma fa oltre 100 giorni in ospedale. Luca, in questo 2020, si trova agli arresti presso lo stesso carcere di Nicoletta. Come è piccolo il mondo, specie a Torino. Specie in una prigione. In questi due articoli, tra i quali una intervista di Luca, si ripercorre quanto accaduto in quel giorno di febbraio 2012

https://torino.repubblica.it/cronaca/2012/06/23/news/luca_abb_ecco_com_andata_quel_giorno_sul_traliccio-37813238/

https://www.globalist.it/news/2016/05/08/manifestante-no-tav-fulminato-su-un-traliccio-8145.html

La gente della Valle e il resto dei comitati in tutto lo stivale si mobilitarono e si incazzarono perché l’allora capo della Polizia, tale Manganelli (un nome, un programma), aveva pronosticato che nella dura lotta contro il TAV avrebbe potuto scapparci il morto. E infatti, ci sono andati vicino. Dalla parte dei manifestanti, of course. Mentre decine di migliaia di persone organizzavano proteste in sostegno dei No Tav e in solidarietà con Luca, in Valle si dava il via all’occupazione delle arterie stradali e autostradali, anche per impedire alle forze dell’ordine di continuare la loro opera di repressione che si è potuta ammirare nel video intitolato “Archiviato”. 

Per 4 giorni i No Tav mostrano che davvero paura non ne hanno

E la polizia si diede alla pazza gioia: cariche con i manganelli, idranti sulla folla in pieno inverno e…un caffè preso in un bar nel modo che si può ammirare qui sotto.

In questo clima maturò la protesta che portò Nicoletta ed altri 11 ad essere prima accusati e poi condannati a 20 anni complessivi di pena per aver “osato” alzare per 20 minuti le sbarre di un casello. 

E poche settimane dopo, anche ai Castelli Romani, ad Albano precisamente, la polizia non aveva ancora smaltito l’euforia data dal caffè di quel bar di Chianocco: con bastoni e manganelli, due ragazzi subirono fratture agli arti superiori e una donna anziana, che peraltro non era una manifestante ma si trovava lì per caso, venne “sgambettata” e fatta cadere. Fu ricoverata al pronto soccorso di Albano (che non esiste più, per la cronaca). La manifestazione era contro la discarica e l’inceneritore di Roncigliano ma molte erano le bandiere No Tav portate al corteo proprio per ribadire la vicinanza e la partecipazione con le idee e le pratiche dei valsusini. Si contarono anche un arresto di un ragazzo minorenne, una denuncia per 50 manifestanti e un processo per altri 17 conclusosi con l’assoluzione per tutti.

Torniamo a Torino, torniamo “all’oggi”. Dunque, l’8 dicembre in Val di Susa partecipato corteo di 10-15.000 persone insieme ai giovani del Friday for Future

Il 25 dicembre, sì, proprio a Natale, manifestazione No Tav sotto al carcere di Torino in solidarietà con Giorgio,Mattia e Luca

Il 1 gennaio, a Bussoleno, comune della Val di Susa, migliaia di nuovo in corteo per Nicoletta, da 48 ore in carcere anche lei

Insomma, la lotta in Valle non si ferma mai.

Più o meno, abbiamo fatto il punto. Non è solo un treno. E’ molto ma molto di più. Vi invitiamo a scrivere ai detenuti No Tav

Ed, infine, riportiamo due lettere da dietro le sbarre. La prima è di Giorgio, spedita anche a Nicoletta pochi giorni prima del suo stesso arresto. La seconda è scritta da Nicoletta

Lettera di Giorgio

Cari compagne e compagni,

il presidio di ieri sera è stato apprezzato dai detenuti del Blocco B, sia la buona musica e i saluti, sia i fuochi. Nel pomeriggio del 25 dicembre, con un “tranello”, hanno trasferito Mattia in una sezione diversa, non so quale (forse il Blocco C). Al rientro dal cortile dell’area ci eravamo rifiutati di rientrare in cella. Premessa: giovedì 19 dicembre avevamo fatto una “domandina” per richiedere la “socialità” almeno nel giorno di Natale, visto che nella sezione “Nuovi Giunti” non viene mai concessa. “Socialità” vorrebbe dire stare nel corridoio dalle 17 alle 19 a chiacchierare e camminare. Venerdì 20 dicembre avevamo fatto una seconda “domandina” per poter usufruire del servizio pizza interno (di cui non sapevo l’esistenza), nell’impossibilità da parte nostra di poter fare la spesa settimanale. Ben 10 pizze per la sera di Natale da distribuire tra tutti in sezione (34 presenti). Sabato 21 dicembre per “aiutare” le nostre richieste ci siamo rifiutati di rientrare in cella, così era arrivato un ispettore che, dopo averci ascoltato, se n’era andato con le solite scontate e inconcludenti risposte. Così giovedì 25 dicembre ci siamo rifiutati di rientrare. Dopo i classici “consigli utili” non richiesti dal capo posto per farci desistere e velate minacce, siamo rimasti per una oretta abbondante nel corridoio e siamo rientrati in cella. Con una scusa (telegramma?) dunque Mattia è andato verso la rotonda e non è più tornato, nessun problema l’avevamo messo in conto. Sarà più “utile” in un’altra in un’altra sezione. Nei giorni precedenti parecchi detenuti della sezione volevano partecipare, ma abbiamo preferito non esporli ad inevitabili provvedimenti disciplinari (il famoso, qui dentro, “rapportino” anticamera del consiglio di disciplina).

Qui qualsiasi cosa dici devi farlo nella maniera più semplice possibile, senza vanità, linguaggio chiaro, senza essere contorto. Curiose le argomentazioni per non concedere le pizze, dovevamo prenderne una testa e non potevamo ordinarne dieci in due persone così cercavamo di “comprarci” il consenso della sezione per future proteste. Ma quel che proprio non capivano era che noi due volevamo spendere ben 80 euro di pizze per gli altri prigionieri. Una scena comica e surreale alla rotonda del Blocco B: ispettore, capoposto, cinque o sei guardie ci guardavano stralunati come fossimo dei marziani, non volevano credere a quello che noi volevamo fare. La sezione dove sono, la nona, dovrebbe essere adibita a un servizio di osservazione per i nuovi arrivati, non durare più di 5 giorni, in realtà si sta 20/25 giorni: no TV, no socialità, misere arie dalle 9 alle 10:15 al mattino e dalle 13 alle 14:15 al pomeriggio, tre per volta si va alle docce fino alle 16:30, poi chiusura totale in cella fino alle 8 del mattino successivo. La maggioranza qui non possiede soldi per fare la spesa a malapena comprano tabacco e generi per la pulizia personale. Da Francesca Frediani, che ringraziamo per la visita, abbiamo saputo di Roberto Rosso e un mattino lo abbiamo scorto in un cortile dell’area lontano dal nostro. Ringraziamo la Cassa Antirep. le Alpi Occidentali grazie alla cui “rapidità” possiamo spedire questa lettera: in tutta la sezione non c’era un francobollo. Concludo riportando la frase che Mattia ha scritto sul muro della cella: “non vi è rimedio per la nascita e per la morte salvo godersi l’intervallo”, non so di chi è la citazione.

Un saluto a tutti,

No Tav

Lettera di Nicoletta
 

Sto bene, sono contenta della scelta che ho fatto perché è il risultato di una causa giusta e bella, la lotta NoTav che è anche la lotta per un modello di società diverso e nasce dalla consapevolezza che quello presente non è l’unico dei mondi possibili.

Sento la solidarietà collettiva e provo di persona cosa sia una famiglia di lotta. L’appoggio e l’affetto che mi avete dimostrato quando sono stata arrestata, e le manifestazioni la cui eco mi è arrivata da lontano, confermano che la scelta è giusta e che potrò portarla fino in fondo con gioia.

Parlo di voi alle altre detenute e ripeto che la solidarietà data a me è per tutte le donne e gli uomini che queste mura insensate rinchiudono.

In questo stesso carcere ci sono anche altri cari compagni, Giorgio, Mattia e Luca che sento più che mai vicini ed abbraccio.

Un abbraccio ed un bacio a tutte e tutti voi.

Siamo dalla parte giusta.

Avanti NoTav!

Incontro pubblico su rifiuti e cemento alla Biblioteca Popolare di S.Maria delle Mole

Nel territorio in cui viviamo è da anni in corso una vasta cementificazione che mette insieme gli interessi imprenditoriali e quelli dei partiti politici. Il TAR del Lazio ha dato ragione ai costruttori che avevano presentato ricorso contro alcuni provvedimenti del consiglio comunale di Marino. Lo stesso tribunale che in 8 anni non ha voluto esprimersi sui ricorsi presentati dai comitati cittadini che lottano contro il progetto da un milione di metri cubi di cemento. A pochi passi da qui, lungo la via Ardeatina, l’impianto TMB della discarica di Roncigliano andato a fuoco nel 2016 rischia di essere riattivato grazie ad una nuova autorizzazione regionale mentre le buche della “Ecofer” alla Falcognana vengono indicate come possibili siti per i rifiuti della città di Roma, in eterna emergenza

Già nel 2013 una grande mobilitazione popolare, con 10.000 persone in corteo al centro di Roma, riuscì a fermare il primo tentativo di rendere la “Ecofer” la discarica che avrebbe sostituito la famigerata Malagrotta.

Nel frattempo, la lotta contro l’inceneritore, il TMB e la discarica di Roncigliano non si è mai fermata ed ha visto 500 persone manifestare ad Albano lo scorso 7 dicembre.

I partiti in continua campagna elettorale cercano invece visibilità proponendo gli inceneritori come soluzione e intervengono contro la “Ecofer” solamente perché nelle adiacenze ci sono i progetti di Parnasi e “DeA Capital” per quasi 25.000 nuovi abitanti: 12.500 al Gotto d’Oro e altrettanti a S.Palomba e Paglian Casale. Se a tutto ciò si aggiunge l’inquinamento dovuto agli aerei e il rumore causato dalle nuove rotte, il quadro sull’invivibilità del territorio si completa.

Che cosa sta accadendo ? Quali sono i soggetti che portano avanti progetti di devastazione dei territori ? Come organizzarsi per opporsi efficacemente e in tempo utile ?

Facciamo il punto della situazione parlandone insieme alla “Bibliopop”, venerdì 20 dicembre, dalle ore 18.00.

Assemblea contro la cementificazione e Biblioteca Popolare

http://stopcemento.noblogs.org — stopcemento@inventati.org

Manifesto 20 dic 2019 alla Bibliopop contro rifiuti e cemento in PDF

Dal corteo di Albano una risposta alle speculazioni che generano emergenze

RIFIUTI, AEREI E CEMENTO: LA POPOLAZIONE SI MOBILITA E NON SI PRESTA AGLI INTERESSI DEI PARTITI IN CAMPAGNA ELETTORALE

Sabato 7 dicembre circa 500 persone hanno partecipato al corteo organizzato dal Coordinamento contro l’inceneritore attraversando strade di Albano per protestare contro l’autorizzazione regionale che consentirà all’impianto di trattamento meccanico biologico di Roncigliano di tornare in funzione dopo l’incendio del giugno 2016. L’impianto TMB si trova all’interno della discarica lungo la via Ardeatina e quindi è presumibile che anch’essa torni a disposizione per continuare a essere riempita causando ulteriori danni in aggiunta ai suoi ormai 40 anni di attività.

L’Assemblea contro la Cementificazione di Marino ha partecipato al corteo, come in tutte le altre occasioni, insieme ad altre associazioni e movimenti di lotta del territorio per dare seguito all’idea di unire le forze contro ogni tipo di nocività come ben sintetizzato dallo striscione d’apertura: l’imprenditoria tricolore ed estera, in cerca di facili guadagni, vuole imporre i propri “progetti” nel quadrante di Agro Romano in cui viviamo e per farlo foraggia tutti i partiti dell’arco parlamentare, come già dimostrato da diverse inchieste tra le quali spicca la “nostra” Risorgimento con il costruttore Parnasi coinvolto insieme agli uomini di riferimento di Lega, PD, M5S e Forza Italia.

Negli ultimi mesi i cambi delle traiettorie di decollo degli aerei e i ripetuti sforamenti negli orari notturni hanno provocato vive proteste da parte degli abitanti delle frazioni di Marino e di Ciampino, però il TAR, l’ENAC e AdR fanno fronte comune insieme alle compagnie aeree come la Ryanair e le soluzioni come i decreti ministeriali non vedono mai alcuna efficacia.

In queste ultime settimane si è riacceso il “gioco” del toto-discarica perché Roma è di nuovo in emergenza con la gestione dei suoi rifiuti. Non proprio una novità, si può dire. Per questo motivo la discarica di rifiuti pericolosi della società “Ecofer Ambiente” situata in via Ardeatina, nel comune di Roma in zona Falcognana ma confinante con il comune di Marino, è diventata una delle maggiori candidate ad ospitare centinaia di tonnellate quotidiane di rifiuti della capitale. Già nell’estate del 2013 ci fu questo rischio e solo la mobilitazione popolare , conclusasi con un corteo di 10.000 persone a Roma, riuscì a bloccare la creazione di una nuova Malagrotta. Però nel frattempo la “Ecofer” si è dotata di un terzo invaso, per una volumetria autorizzata insieme ai primi due di circa 2,2 milioni di metri cubi di rifiuti smaltibili ed ora questa nuova buca fa “gola” per i profitti che potrebbe generare ma anche perché potrebbe, temporaneamente, salvare i partiti politici al governo della Regione Lazio (cioè il PD) e garantire ad AMA un sito di smaltimento in vista della prossima chiusura della discarica di Colleferro. Così da evitare di peggiorare l’attuale consueto disastro che si vede ogni giorno all’interno della città di Roma. In questo caso però i 5 Stelle al Campidoglio e anche al governo nazionale andrebbero in difficoltà rispetto al loro elettorato dato che, da sempre, sono dichiaratamente contro discariche e inceneritori ma, da quando governano, continuano comunque ad utilizzarli per gestire i rifiuti capitolini magari fuori dalla vista dei cittadini romani, qualche km più in là come in Abruzzo.

In questo contesto, si inseriscono poi i movimenti dei partiti politici di opposizione: da Fratelli d’Italia alla Lega (sempre più “selfisti” con tutti i nomi ben elencati per ricordarseli al momento del voto), passando per Forza Italia, i quali provano a farsi campagna elettorale strizzando l’occhio ai comitati cittadini che si battono a difesa dei territori e della salute. Memorabile la scena del senatore Brunetta che si è incatenato per la durata record di ben 30 secondi al cancello della “Ecofer” per far convergere su di sé i riflettori di tutti i mezzi di informazione e che durante il presidio dei cittadini è intervenuto affermando senza vergogna che al “Nord Italia tutto funziona bene, i problemi sono solo qui da noi al Sud, c’è la terra dei fuochi in Campania e il termovalorizzatore di Brescia funziona benissimo”. Qualcuno di noi, presente a quel presidio, è intervenuto contestando le affermazioni del deputato e ha precisato che nel fantastico Nord Italia Brescia è in cima alla classifica delle città più inquinate d’Italia, grazie anche al contributo delle sue industrie e dell’inceneritore tanto caro a Brunetta ma contestato da oltre 40 comitati locali. Inoltre, sempre al Nord non si contano gli incendi negli impianti di stoccaggio dei rifiuti, anche pericolosi, e in ultimo tutti abbiamo visto le immagini di Venezia sommersa per oltre una settimana dal mare mentre il MOSE, costato oltre 5 miliardi di fondi pubblici, è solo la storia di una inutile grande opera che però almeno è stata utile ai colleghi della coalizione di centro-destra, come Galan, che si sono intascati oltre un miliardo di tangenti.

Bisogna quindi evitare di affidarsi a questi soggetti che solo perché residenti occasionalmente proprio nei pressi della “Ecofer” sostengono la vertenza ma in realtà fanno molti danni e, in passato, hanno spesso accusato comitati di altri territori di essere “egoisti” (o “nimby”, in inglese) usando la più violenta repressione e persecuzione, come nel caso dei No-Tav in Val di Susa. Anche qui da noi a Marino diversi politici locali che fanno comunella coi palazzinari, come già successo nel 2013, si stanno muovendo dicendo che “siamo tutti sulla stessa barca”, solo perché in realtà temono che i loro profitti basati sul mercato immobiliare e sugli 1,3 milioni di metri cubi di cemento contro i quali lottiamo da anni possano venir danneggiati dalla presenza dei rifiuti della “Ecofer”. A queste meschine manovre vanno sommate purtroppo altre due lottizzazioni per un totale di 11.000 possibili nuovi residenti e denominate “S.Palomba” e “Paglian Casale” che sono state approvate in questi ultimi anni dalle giunte romane e che ricadono lungo via Ardeatina proprio nella zona tra la “Ecofer” e la discarica di Roncigliano. In particolare, a S.Palomba, vicino Pavona-Cancelliera ci sono già diversi sbancamenti per i lavori di costruzione delle opere propedeutiche ai palazzi per 4.000 nuovi abitanti previsti per l’housing sociale approvato dalla giunta Raggi lo scorso anno. La Cassa Depositi e Prestiti garantirà 150 milioni di euro alla società “DeA Capital” per tale iniziativa: di “housing” ci sarà altro cemento, di “sociale” ci sarà la garanzia dei fondi pubblici, come al solito. Ricordiamo che la “DeA Capital” è la stessa società che, in accordo con Parnasi, prevede di costruire al Gotto d’Oro altri palazzoni per 4.000 nuovi residenti, per il progetto approvato dalla giunta Palozzi a Marino e da quella Polverini nel 2013 in Regione Lazio.

Infine, è notizia recente che il TAR ha di nuovo “colpito”: stavolta ha dato ragione ai palazzinari di Mugilla, la zona a ridosso delle scuole di via Maroncelli a S.Maria delle Mole, annullando le delibere comunali della giunta 5 Stelle di Marino che lo scorso anno affermavano la “sospensione dell’efficacia” sia del “Protocollo di intesa del 2011” che dei “PRINT” riguardanti il Masterplan da 1,3 milioni di metri cubi. A breve comunicheremo un’analisi più approfondita però si può già sostenere che il Tribunale Amministrativo Regionale ha fatto carta straccia dei provvedimenti comunali sostenendo le “ragioni” dei palazzinari senza aver neanche preso in considerazione i ricorsi dei comitati cittadini depositati ormai da 8 anni negli stessi uffici. Dovremo quindi presto dare una risposta concreta a questa presa di posizione che tutela gli interessi degli speculatori a danno della popolazione che vive nei territori delle frazioni di Marino.

Tutte queste continue emergenze sono causate e gestite sempre dagli stessi attori. Cerchiamo di non stare al loro gioco ma di organizzarsi davvero tra di noi per non farsi travolgere dai forti interessi economici che hanno individuato nel nostro quadrante di Agro Romano una zona per loro molto appetibile. E non abbocchiamo agli allisciamenti che i vari partiti in perenne campagna elettorale fanno durante le loro pubblicitarie apparizioni nelle occasioni dove la gente si raduna preoccupata da quanto sta accadendo.

Continuiamo ad invitare tutti/e ad ampliare la partecipazione alla lotta.

Assemblea contro la Cementificazione – riunione ogni lunedì alle 21.30 presso il CdQ di S.Maria delle Mole in via N.Tommaseo (adiacente alla scuola “Elsa Morante”)

Coordinamento contro l’inceneritore di Albano – riunione ogni martedì alle 21.30 presso la sede della circoscrizione a Cecchina, in via Rocca di Papa.

ps: un sentito ringraziamento a quanti da Magliano Sabino, Guidonia, Roma e dal resto della provincia hanno partecipato al corteo del 7 dicembre per cercare di unire le lotte. Per chi invece si è fatto l’ennesimo selfie elettorale con il proprio partituncolo fascistoide mezz’ora dopo la partenza del corteo nella stessa piazza da dove ci eravamo radunati non ci sono parole che descrivano bene la tristezza infinita nascosta dietro la solitudine dei sorrisi sfoggiati solo per fotografarsi. Da una parte le lotte, con centinaia di persone, dall’altra uno smartphone e qualche politico di professione o in cerca di uno strapuntino al prossimo giro di voti…

Discariche e Impianti di Trattamento: sabato 7 si torna in piazza

Sabato 7 Dicembre, Manifestazione contro il ritorno del malefico ciclo TMB-DISCARICA-INCENERITORE, ore 15.00, Piazza S.Pietro, Albano Laziale

La voltura dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale)  dell’agosto 2009 alla società ColleVerde srl affittuaria del TMB di Pontina Ambiente, consente al sig. Cristiano Cesaro di trattare i rifiuti come già fatto da  Manlio Cerroni fino a tre anni fa.

Il ripristino del TMB (Trattamento Meccanico Biologico) di Roncigliano-Albano comporta una nuova ondata di rifiuti per i prossimi vent’anni.

Vengono cancellate le proteste contro i miasmi ai cancelli della discarica; dimenticate le centinaia di sforamenti degli inquinanti in falda; stracciati i verbali della ASL RM6 e gli atti delle amministrazioni locali.

La stessa mano che nel 2015 aprì il riesame dell’AIA 2009, abbattuta dal verbale ARPA del 2014, torna oggi ad autorizzare il duo Cerroni-Cesaro.

L’immarcescibile Manlio si sente autorizzato a nuove avventure anti popolari dalle scandalose assoluzioni del Tribunale di Roma e dalla comode indagini del PM di Velletri che a tre anni e mezzo dall’incendio comunica chel’inchiesta è in istruttoria preliminare, così aumenta il voltastomaco.

Il signore di Eraclea-Venezia  ha il permesso di ricostruire lo stesso impianto fallito e bruciato e produrrebbe lo stesso combustibile da rifiuti delle truffe cerroniane, la stessa FOS (Frazione Organica Stabilizzata) da smaltire in discarica, magari nel 7° invaso, anche se non volturato.

Questa operazione non fornisce un servizio al territorio, ma favorisce chi cerca di sfruttare il disastro romano dei rifiuti  facendolo pagare agli ingenui burini.

I comuni dei Castelli romani, dopo le mobilitazioni contro inceneritore e altre nocività, hanno voltato pagina nella gestione dei rifiuti.

Ora c’è da andare avanti, colpire i nuovi pescecani a valle delle differenziate tipo EcoX; respingere i prossimi avvelenatori di territori con BIOGAS, BIOMETAMO, BIOMASSE.

SICURAMENTE NON SI PUO’ TORNARE ALLA PREISTORIA: TMB, DISCARICA, INCENERITORE

 

 

Non solo Friday ma anche Saturday! Discariche, aerei e cemento: una settimana intensa

In questa seconda settimana di novembre si segnalano variegate iniziative sul territorio, per tutti i “gusti”: si va dall’ipotesi di riapertura della discarica di Roncigliano(Albano), alle valutazioni in sede di commissione aeroportuale di Ciampino per concludere con i provvedimenti regionali e ministeriali sulla cementificazione ed i relativi ricorsi dei palazzinari.

In sintesi:

  • venerdì 8 novembre, ore 17.30, c/o Tripolini, via del Villaggio Ardeatino 16/B, ASSEMBLEA PUBBLICA del Coordinamento contro l’inceneritore di Albano contro la possibilità concreta della riapertura della limitrofa discarica di Roncigliano
  • sabato 9 novembre ore 10, piazza Togliatti, S.Maria delle Mole, ASSEMBLEA PUBBLICA del Comitato Riduzione Impatto Ambientale per chiedere la riduzione dei voli dell’aeroporto di Ciampino e contro le nuove rotte di decollo
  • sabato 9 novembre ore 11.15, piazza Togliatti, S.Maria delle Mole, ASSEMBLEA PUBBLICA promossa da Argine Divino Amore ed altre associazioni per parlare degli sviluppi della vertenza contro la cementificazione delle frazioni di Marino alla luce dei provvedimenti regionali sull’ampliamento del Parco dell’Appia Antica e di quelli ministeriali e della soprintendenza beni archeologici sul nuovo vincolo da 1200 ettari; inoltre, aggiornamenti sui vari ricorsi al TAR, tra i quali quelli dei costruttori contro le delibere comunali di sospensione dell’efficacia dei PRINT

Se ci dovesse essere maltempo, le due assemblee pubbliche di S.Maria delle Mole si svolgeranno nel teatro delle suore francescane a 200 mt dalla piazza(via Manzoni)

Di seguito riportiamo i link alle iniziative di sabato 9 novembre e l’indizione dell’assemblea di venerdì 8 a Villaggio Ardeatino, invitando tutti/e a partecipare

La risposta immediata del Comitato Aeroporto: Assemblea Pubblica a S. Maria delle Mole il 9 novembre su rotte e riduzione voli

Il Cemento al Divino Amore è davvero scongiurato? ADA organizza a Santa Maria delle Mole il 9 novembre un’Assemblea Pubblica

VENERDI’ 8 NOVEMBRE – ore 17,30
c/o Tripolini. Via del Villaggio Ardeatino 16 B
ASSEMBLEA PUBBLICA

La discarica di via Roncigliano rischia di riaprire.

Contrariamente a quanto tutti noi credavamo, il complesso di discarica e il TMB (l’impianto di trattamentento dei rifiuti andato a fuoco nel 2016) potranno avere nuova vita.

Abbiamo appreso da fonti comunali che la dirigente regionale dell’area rifiuti, ing. Flaminia Tosini, ha deciso con una procedura del tutto fuori dell’ordinario di prorogare a 15 anni, dunque fino al 2024, l’Autorizzazione Ambientale (AIA) che consentirà al complesso impiantistico di Albano di “lavorare” tranquillo almeno fino ai prossimi 5 anni.

E’ ormai certa la notiza che Cerroni ha affittato il relitto del TMB alla società ColleVerde srl di Venezia con un contratto che potrà arrivare a 20 anni.

Non si capisce però come questo possa essere ammesso, dato che su tutta l’area ancora permangono tutte le violazioni individuate dall’ARPA nell’ormai lontano 2014:

La caratterizzazione del suolo e delle falde mai effettuata – manca la bonifica del pozzo F1b – La chiusura (capping) e bonifica dei vecchi invasi ci è ignota –

L’ARPA da due anni non fa prelievi in falda, mentre i Villaggi continuano a restare senza fogne, senza acqua pubblica e con i pozzi compromessi da arsenico e fluoruri.

Questa situazione si presenta dopo un periodo ormai lungo in cui molti avevano tirato i remi in barca, dando per sicuro il cessato pericolo e la chiusura tombale del sito.
Il risveglio è amaro ma occorrerà riesumare la carica che ci consentì di sbaragliare il progetto del gassificatore.

Per questo è importante tornare ad informarsi e a ragionare insieme su come difendere la salute di tutti e la salvaguaradia del nostro ambiente.

VENERDI’ 8 NOVEMBRE – ore 17,30
c/o Tripolini. Via del Villaggio Ardeatino 16 B
ASSEMBLEA PUBBLICA

……..

http://castelli.romatoday.it/albano/regione-lazio-apertura-discarica-roncigliano.html

https://www.cinquequotidiano.it/2019/11/04/riapre-la-discarica-albano-ora-scontro-regione/

https://www.ilcaffe.tv/articolo/60743/discarica-di-albano-andreassi-pronti-ad-ogni-azione-per-bloccare-la-ripartenza?fbclid=IwAR3i216kckPva6Y7yMUfBdaqTfGVUKDCrf3S029eS3-PUOyfmxNn_3V_VvU

https://www.ilcaffe.tv/articolo/60702/riapre-la-discarica-di-albano-la-regione-si-rimangia-la-parola-niente-bonifica?fbclid=IwAR14GHGnBP3vvJIPunUHxEC1-Qe3fN4h4LZbuVvgKN6kTIHGp0oCOWOn3tw

https://www.lastampa.it/topnews/primo-piano/2019/11/01/news/roma-i-progetti-per-le-tre-discariche-su-aree-sotto-inchiesta-e-falde-acquifere-inquinate-1.37819661?fbclid=IwAR0sFS0_RdOzanr7Rjk2kJXJDS8kGw8h6UUb1cs2WLkbl6-pW1lB0oObhgo

https://www.fondoforestale.it/ilblog/2019/10/27/anche-bruciare-legno-peggiora-la-situazione-climatica/?fbclid=IwAR3unqVIzXygKcTmAE88Q8waZlUqXoMvwYYrE4LuzL5ZMDi4c-ZrVp-9aG0

https://www.huffingtonpost.it/entry/disaccordo-fra-politici-e-scienziati-sul-concetto-di-energia-rinnovabile_it_5dbaa7ffe4b066da552ca243?ncid=other_facebook_eucluwzme5k&utm_campaign=share_facebook&fbclid=IwAR1feQkU133BFs_l-731cYdJPdl-HGPyAFXG5MoJgV4fbT7JHWgmLbu-BcA

 

 

Sabato 21 settembre: iniziativa al centro sociale IPO’ di Marino

IL CLIMA CAMBIA, CAMBIAMO IL CLIMA!

OPPONIAMOCI AD OGNI NOCIVITA’ AMBIENTALE

Ovunque progetti di speculazione e impianti nocivi
La gestione dei rifiuti è affidata a discariche e inceneritori, mentre nuove centrali biogas e biomasse spuntano come funghi in ogni regione.
I territori vengono cementificati,
creando danni idrogeologici e costruendo agglomerati urbani sempre pù popolati dove si concentra l’utilizzo delle risorse. La green economy non ci salverà, non si tratta solo di produrre più o meno energia da fonti cosiddette rinnovabili, ma di ribaltare completamente questo modello di sviluppo, di produzione e di potere che ha stretto nella morsa l’intero pianeta. Per farlo dobbiamo costruire adeguati livelli di controllo e opposizione popolare

SABATO 21 SETTEMBRE, AL CENTRO SOCIALE IPO’ (MARINO, V.DEL GIARDINO VECCHIO)

ORE 18.00: ASSEMBLEA-DIBATTITO CON DISCUSSIONE SULLE VERTENZE LOCALI E LE QUESTIONI PIU’ GENERALI

ORE 21.00: CENA SOCIALE A SOTTOSCRIZIONE PER IL SOSTEGNO ALL’IPO’ (siete pregati di comunicarci la vostra presenza tramite mail a ipotesi@gmail.com)

 

Discamping a Villaggio Ardeatino – sabato 31 agosto e domenica 1 settembre

PARTECIPIAMO E DIFFONDIAMO L’APPUNTAMENTO AL DECIMO “DISCAMPING” ORGANIZZATO DAL COORDINAMENTO CONTRO L’INCENERITORE DI ALBANO

SABATO 31 AGOSTO E DOMENICA 1 SETTEMBRE:

assemblee, cene sociali e due grandi film….due giorni di discussione su rifiuti, energia e cementificazione ma anche di socialità e intrattenimento

DISCAMPING 2019

 

 

Il mistero degli standard urbanistici e l’intervista dell’ex dirigente che tutto potè cementificare

Poco prima di iniziare il volantinaggio e la distribuzione del dossier il 3 agosto 2019 veniamo a conoscenza di questo articolo in cui si riporta integralmente il pensiero dell’ing. Stefano Petrini, per lunghi anni dirigente comunale all’urbanistica sotto le amministrazioni di centro-destra di Adriano Palozzi e Fabio Silvagni.

Eccolo, lo linkiamo cosicché si possa leggere e diffondere il pensiero di colui che ha notevolmente contribuito allo “sviluppo” del territorio dove negli ultimi 15 anni c’è stato un aumento di quasi 13.000 abitanti. E tutti abbiamo visto migliorare servizi e “standard” quali: aumento delle scuole, ri-apertura del Pronto Soccorso, aumento dei servizi di trasporto pubblico, nuovi parchi pubblici, ambulatori sanitari adeguati alla popolazione….Insomma, viviamo in una sorta di paradiso, grazie a tale ingegnere-benefattore (a 5.000 euro al mese all’epoca, si intende, che è pure una miseria visto il lavoro proficuamente svolto; stipendio a cui vanno aggiunte le ingenti spese legali sostenute dal Comune a suo favore per i vari processi in cui è stato coinvolto)

Marino, Stefano Petrini: “Sull’urbanistica la grande bugia dei Cinque Stelle”

Andiamo subito al dunque. 

L’ing. Stefano Petrini dice che una non meglio specificata “signora” lo ha portato a conoscenza dello studio sugli standard urbanistici effettuato dall’arch. Gianluca Lella su mandato del Comune di Marino nell’agosto 2016, il quale fu uno dei primi atti della giunta pentastellata.

Qui trovate la determinazione di affidamento dell’incarico, datata ormai 3 anni fa, del valore di 8.000 euro

[01] – Affidamento incarico ad arch Gianluca Lella in PDF

L’ing.Petrini sostiene di avere lo studio sugli standard in sua mano già da maggio 2019 e che esso è stato redatto a gennaio 2019. 

Alt, fermi tutti ! Lo studio sugli standard, nell’idea dei 5 stelle, doveva concludersi dopo 2 mesi e non dopo quasi 3 anni e noi in tutto questo tempo lo abbiamo ricordato e richiesto più volte in ogni sede. L’ultima delle quali ha avuto la seguente risposta ad una nostra, ennesima, istanza

Qui pubblichiamo la risposta del 30 aprile scorso dataci dall’attuale dirigente comunale all’urbanistica, l’arch.Michele Gentilini

30 aprile – Risposta atti pubblici – Studio Standard in corso di validazione – Non competenza Statistiche Affitti-modificato

Come potete leggere, ci viene per l’ennesima volta risposto che “lo studio dell’arch.Lella non è rilasciabile perché in corso di verifica e validazione da parte del personale” e che “esso sarà presentato dall’amministrazione in consiglio comunale e poi pubblicato sul sito” e solo allora sarà di pubblico dominio e potrà essere anche formalmente richiesto (va da sè, che una volta pubblicato vuol dire che esso è scaricabile direttamente dal sito, non occorrerà alcuna domanda formale per averlo).

Ma allora, se all’Assemblea contro la Cementificazione è stato posto il diniego formale sul rilascio di un documento ritenuto molto importante per l’amministrazione 5 stelle, come può essere stato recapitato all’ing. Petrini, e per quali motivi ? Chi glielo ha portato all’attenzione senza la necessaria “verifica e validazione” e la “presentazione in sede di Consiglio Comunale” ? Perché negli OdG dei consigli comunali da maggio ad oggi non c’è nulla di tutto ciò e, di conseguenza, non è ancora stato reso di pubblico dominio neanche sull’Albo Pretorio. Insomma, c’è più di un sospetto su qualche talpa al Comune che informa l’ing. Petrini il quale per le vie brevi riesce a ottenere ciò che viene negato a tutti gli altri, inteso quelli che combattono contro la cementificazione e, quindi, contro i danni prodotti anche dal più volte citato braccio destro di Palozzi e Silvagni

Parliamo adesso di cosa volevano gli amministratori 5 stelle dallo studio sugli standard affidato all’arch. Lella: essi, ci dicevano sin da luglio 2016, in sede di primo incontro pubblico con noi ed altri comitati in Sala Consiliare, che lo studio sarebbe terminarlo entro settembre-ottobre (2 mesi al massimo, quindi, non 3 anni!) e che si sarebbe subito svolta una Giunta e una Seduta di Consiglio Comunale per approvare una variante di salvaguardia e/o una sospensiva in quanto i risultati dello studio avrebbero certificato la mancanza degli standard urbanistici, con susseguente fermo di tutti eventuali nuovi permessi a costruire (almeno fino a quando non si sarebbe prima pensato a recuperare gli standard urbanistici in qualche altro modo). 

Lo studio però va per le lunghe, lunghissime…ad ogni assemblea con gli amministratori comunali, in particolare con gli assessori e il sindaco, chiediamo conto di quando verrà redatto. Nel frattempo, dopo alcuni mesi di stop al rilascio dei permessi a costruire, ecco che anche il Comune di Marino riprende le concessioni. Riportiamo in questi file il riepilogo dei permessi:

Elenco Permessi a Costruire dal 1 gennaio 2017 al 30 giugno 2017

Elenco Permessi a Costruire dal 1 luglio 2017 al 31 dicembre 2017

Elenco Permessi a Costruire dal 1 gennaio 2018 al 30 giugno 2018

Elenco Permessi a Costruire dal 1 luglio 2018 al 31 dicembre 2018

Elenco Permessi a Costruire dal 1 gennaio 2019 al 30 giugno 2019

Insomma, l’opzione zero-cemento è rimasta, appunto, un’opzione. Però è pur vero che la cementificazione delle zone riportate in questo lungo elenco di permessi a costruire è stata attuata con il prezioso contributo del precedente responsabile all’urbanistica, cioè proprio dell’ing.Petrini.

L’amministrazione 5 Stelle sta beatamente mandando avanti lo scempio progettato dalle giunte precedenti. 

Andiamo ad un altro punto centrale della lettera-articolo di Petrini, nel quale parla del fatto che leggendo il contenuto dello studio (e quindi qui toccherebbe fidarsi di lui, visto che noi non ne siamo in possesso), risulterebbe che gli standard urbanistici nel territorio comunale non solo erano (quasi) rispettati ma addirittura superiori ai minimi imposti per legge. E non ce ne eravamo accorti ?

Noi no, la popolazione che tutti i giorni è inchiodata sull’Appia, la Nettunense, l’Ardeatina e nelle strette e affollate vie interne nemmeno. Però…però l’ing.Petrini ne era già consapevole perché “l’aveva vissuta”, cioè ci aveva lavorato sopra. 

E allora, ci si chiede, davvero non si ha memoria di nulla in questo Paese ? E chi gliele ha scritte le delibere comunali all’amministrazione Palozzi per far approvare lo scempio da 1,3 milioni di metri cubi e 12.500 abitanti affermando che gli standard risultano “5,5 metri quadri per ogni abitante, invece del minimo di 18 metri quadri ad abitante”, con le quali si giustificava la necessità di far costruire una nuova città ai privati, con tanto di centro commerciale, perché poi avrebbero aumentato gli standard rilasciando nuove aree e facendo i servizi ?

Ecco, questa contraddizione di Petrini, la si trova qui, nella delibera di giunta regionale Polverini     n°614 del 21 dicembre 2012, redatta quando già la stessa giunta regionale era dimissionaria

Al riguardo il Comune di Marino non ha ancora adeguato il proprio strumento
urbanistico al Piano Provinciale, ne ha adottato il documento preliminare previsto
dall’art. 32 della lr 38/99.
Il presente programma è in linea sia con i contenuti del protocollo d’intesa sottoscritto
tra la Regione Lazio ed il Comune di Marino in data 14.06.2011 e ratificato con delibera
di Consiglio Comunale n. 35 del 03.08.2011, finalizzato a ristabilire un adeguato livello
di standard a fronte di un ripianificazione urbanistica e valorizzazione delle aree di
maggiore pregio previa delocalizzazione delle volumetrie previste con contestuale
cessione di esse, per la realizzazione di interventi pubblici, sia con il contenuto della
delibera di Consiglio Comunale n. 36 del 03.08.2011 – “Master Plan. Indirizzo della
pianificazione urbana del comprensorio del Divino Amore”che prevede:
1. la dotazione di urbanizzazioni secondarie necessarie a sostenere i nuovi
insediamenti ed incrementare le dotazioni esistenti;
2. la pianificazione degli assi viari infrastrutturali, necessari affinché il nuovo
insediamento e l’esistente siano sostenibili;
3. aumento dello standard degli insediamenti di santa Maria delle Mole e
Frattocchie ad oggi mediamente pari a 5,50 mq/ab attraverso
l’acquisizione gratuita di aree a standard, derivanti dagli accordi di
programma urbanistici sottoscritti con i privati;
4. acquisizione dell’area denominata Mugilla per circa 70.000,00 mq.

Il BURL riporta uno dei motivi, forse il principale, con il quale la giunta Palozzi approvava nel 2011 lo scempio del Masterplan, vale a dire che gli standard urbanistici erano scarsi, come potete leggere, e ben noti all’ing.Petrini che avallò e fece tutte le carte per lo schifo contro cui ci battiamo. Il BURL cita la delibera 36 approvata esattamente il 3 agosto del 2011 dal Consiglio Comunale di Marino.

Petrini sapeva tutto, come no, però per far fare lo scempio ai costruttori affermava ciò che oggi nega. Quale è la verità delle due ? i 5,5 mq/abitante oppure quello che qualcuno ha letto nello studio ? E adesso come si mette se ciò fosse confermato, visto che l’amministrazione attuale puntava molto sui risultati di tale studio ? Come sono uscite queste informazioni, chi e perchè le ha date a Petrini che non lavora più per il Comune ? 

Portiamo a conoscenza di tutti che l’ing.Petrini invece di far adempiere gli studi sulla CO2 obbligatori prima del rilascio di permessi a costruire come riportato in questa determina

[3] CO2 – Determina_A00271 – 19 gennaio 2012

ci rispose ufficialmente che non c’era alcuna relazione su tali flussi dei pericolosi gas endogeni a Mugilla, ove lui aveva già rilasciato 2 permessi a costruire per ben 8 palazzi che ormai circondano le due scuole pubbliche adiacenti

CO2 – Mugilla – Mancanza della relazione di flusso – risposta del Comune di Marino del 10 marzo 2015-modificato

Qualche giorno dopo fece fare al volo una verifica di tali flussi alla ditta Cogianco, però non facendo rispettare la più stringente normativa regionale sopra riportata ma una comunale con limiti più leggeri…..

Di questo stiamo parlando, continuando a impegnarci per bloccare la devastazione e il saccheggio ad ogni posto. Vi invitiamo lunedì 5 agosto alle 21.30 alla consueta riunione al CdQ si S.Maria delle Mole, via N.Tommaseo 33

Un estate al TAR

Il 3 agosto 2011 il Consiglio Comunale di Marino, allora guidato dal centro-destra di Adriano Palozzi, approvava le delibere inerenti il “Masterplan” da 1,3 milioni di metri cubi di cemento per 12.500 nuovi abitanti.
C’eravamo allora, ci siamo ancora oggi, per contrastare lo scempio.
Abbiamo distribuito in piazza e nella zona tra via della Repubblica e il Parco della Pace il seguente volantino e il dossier contro la cementificazione.
Vi invitiamo a leggerli entrambi

Potete scaricare il dossier a questo link

Dossier 2019

Volantino 3 agosto 2019 in PDF